Da non perdere
Home / Primo piano / COMITATO ESECUTIVO CISL A TERTENIA : TRA I TANTI TEMI, L’AUTONOMIA DEL TERRITORIO E IL PUNTO SULLE VERTENZE APERTE

COMITATO ESECUTIVO CISL A TERTENIA : TRA I TANTI TEMI, L’AUTONOMIA DEL TERRITORIO E IL PUNTO SULLE VERTENZE APERTE

Rilanciare il ruolo e la funzione della cabina di regia territoriale della CISL Ogliastra: il segretario Michele Muggianu e i suoi propongono per i mesi a venire attività e dibattiti serrati sui temi di interesse a attualità per il nostro territorio. In primis, nei loro piani, la volontà di riflettere profondamente sulla questione relativa alla Riforma degli enti locali: ritengono indispensabile che la competente Commissione e successivamente il Consiglio Regionale della Sardegna modifichi e integri l’articolo 25 della legge regionale prevedendo l’istituzione della nuova Provincia dell’Ogliastra. «Sul tema è stato già depositato un progetto di legge, che condividiamo e che trova fondamento nella necessità di dar vita ad un ente sovracomunale unico per tutto il territorio che garantisca funzioni estese a tutti i comuni, assicurando la parità di accesso ai servizi e ai finanziamenti, oltre all’attività di supporto e coordinamento – spiega Muggianu – L’istituzione dell’ente sovracomunale è giustificata dall’esigenza di potenziare un’area debole come la nostra, in forte crisi economica e che necessiterebbe di maggiori attenzioni rispetto a quelle che l’ente Regione, accentrato nelle sue funzioni, può garantire. Siamo consapevoli che è stata la volontà popolare a decidere in merito all’abolizione delle quattro Province di carattere regionale, in quanto ritenute enti sovracomunali non necessari e dispendiosi in termini di apparato burocratico». «Rileviamo però che quel voto si inquadrava in un momento storico e politico in cui tutte le province ( comprese quelle storiche ) parevano sul viale del tramonto, salvate poi dagli stessi elettori che hanno bocciato il referendum di riforma costituzionale – conclude il segretario territoriale – Ad oggi vari interventi amministrativi e la legge regionale di riordino degli enti locali hanno assegnato le competenze e le funzioni esercitate dalle province di istituzione regionale ad altre realtà esistenti (Regione, unioni dei comuni). Considerato che l’Ogliastra costituisce un ambito territoriale unico che ha attraversato un percorso storico-evolutivo contrassegnato da tante e tali difficoltà da determinarne un rallentamento dello sviluppo economico, si pone l’esigenza della presenza di un ente sovracomunale che agisca per potenziare una sub-regione geografica che necessita, come già detto, di un impulso amministrativo finalizzato a rilanciarne l’economia. L’attuazione della norma non deve, dal nostro punto di vista e come peraltro indicato nella proposta di legge, prevedere oneri o costi a carico del bilancio regionale, in quanto sia il personale che gli uffici operativi rimarrebbero quelli già attribuiti alla ex Provincia dell’Ogliastra, soppressa, ma le cui dotazioni, nella fase transitoria, sono rimaste attive». Dalla cabina di regia della CISL Ogliastra si promettono inoltre riflessioni e azioni su temi di capitale importanza per il nostro territorio: la gravissima situazione della sanità nel territorio, il potenziamento delle infrastrutture e il completamento degli assi viari per Cagliari e Nuoro, un sostegno per il Consorzio Industriale e un sostegno regionale per risolverne i problemi finanziari ( se il consorzio non viene rimesso in condizione di equilibrio finanziario non può di fatto incassare le risorse assegnate e di conseguenza appaltare le opere infrastrutturali programmate), aree ex cartiera, energia, porto, aeroporto, servizi ai cittadini, industria, patto per l’Ogliastra. Inoltre verranno discussi alcuni temi interni relativi ai servizi e alle sedi del sindacato sul territorio.