Da non perdere
Home / Primo piano / ARBATAX. VIAGGIO CARO ED ESTENUANTE, SOLO 450 PASSEGGERI SU 2700. MUGGIANU ( CISL ) : ” IL GAP DEI TRASPORTI E’ UNO DEI NODI DA AFFRONTARE “.

ARBATAX. VIAGGIO CARO ED ESTENUANTE, SOLO 450 PASSEGGERI SU 2700. MUGGIANU ( CISL ) : ” IL GAP DEI TRASPORTI E’ UNO DEI NODI DA AFFRONTARE “.

 

L’alta stagione tiene a battesimo la rotta navale per Genova. Ieri il primo collegamento, da alcuni anni limitato a 45 giorni estivi. Il numero dei passeggeri, neppure 500, fa emergere un calo nella domanda rispetto agli anni scorsi, quando tra il 2015 e il 2017 si è assistito a un incremento degli arrivi. La rotta continua a perdere attrazione tra i vacanzieri che sembrano non gradire la traversata lunga ed estenuante. Il collegamento con il porto ligure non dura meno di 16 ore: lunedì il traghetto Janas ha mollato gli ormeggi alle 21.31, attraccando ad Arbatax alle 13. E le tariffe applicate in questo periodo non rientrano tra quelle low cost per raggiungere la porta dell’Ogliastra.

I DATI Dal ventre dello Janas sono sbarcati 140 mezzi e 450 passeggeri. Nel 2016, secondo anno del boom di presenze dopo la crisi del settore turistico, il viaggio inaugurale Genova-Arbatax segnava numeri ben più elevati: 170 automobili, 9 moto e 5 camper per un totale di 550 passeggeri (20 in più rispetto all’anno precedente). A conti fatti ieri il vettore, capace di trasportare 2700 ospiti, è attraccato semivuoto al dente d’attracco di levante. L’ALLARME L’infilata dei segni meno registrati a mezza estate si ripercuote anche sulle assunzioni stagionali nel terziario. In attesa dei dati in possesso dei centri per il lavoro, sensazioni fosche sono condivise anche dai dirigenti della Cisl Ogliastra: «Il trend – conferma il segretario confederale, Michele Muggianu – non sembra positivo. La ripresa turistica dei Paesi del Nord Africa deve farci riflettere, la strada da fare è ancora lunga. Il gap dei trasporti è uno dei nodi da affrontare, insieme alla diversificazione dell’offerta e al tema della destagionalizzazione del settore». CALO GENERALE Se il primo viaggio da Genova non ha portato una ventata di ottimismo in vista dell’altissima stagione, i numeri non rassicurano neppure sulla rotta di Civitavecchia, la cui rivoluzione di giorni e orari ha contribuito a dare una mano alla flessione di presenze. Venerdì scorso sul traghetto sbarcato ad Arbatax viaggiavano poco più di 400 passeggeri, molti dei quali destinati alle strutture del Sarrabus. Ne risente anche l’occupazione: «Le assunzioni seguono comunque la domanda – è l’analisi di Muggianu – e dunque se le associazioni imprenditoriali hanno un calo di prenotazione è chiaro che calano anche le assunzioni». Roberto Secci

Fonte: L’Unione Sarda