Da non perdere
Home / Primo piano / ARBATAX – IL CARO TRAGHETTI DIMEZZA GLI ARRIVI. MUGGIANU ( CISL ) : ” RIVEDERE LA CONVENZIONE TRA LO STATO E IL GRUPPO ONORATO “

ARBATAX – IL CARO TRAGHETTI DIMEZZA GLI ARRIVI. MUGGIANU ( CISL ) : ” RIVEDERE LA CONVENZIONE TRA LO STATO E IL GRUPPO ONORATO “

 

Articolo tratto dal quotidiano ” L’ Unione Sarda ” del 13.09.2018

Dal primo luglio all’11 settembre al porto di Arbatax sono sbarcati 16169 passeggeri. Numeri pallidi rispetto a quelli dei primi anni Duemila, quando negli stessi periodi arrivavano oltre 30 mila persone in transito da Civitavecchia e Genova. Al dimezzamento del traffico, secondo un’autorevole corrente di pensiero, c’è una sola spiegazione: il calo dell’offerta nel sistema di collegamenti, sebbene la domanda si confermi alta. Tuttavia, tour operator e sindacati sostengono che la rivoluzione del calendario di partenze e arrivi abbia influito in maniera negativa sul traffico turistico. IL BILANCIO I numeri di vent’anni fa al porto di Arbatax sono un ricordo sbiadito.

Quest’anno, degli oltre sedicimila passeggeri in arrivo, il numero più consistente si concentra sulla tratta di Civitavecchia, mentre il collegamento con Genova – sospeso sabato scorso dopo 45 giorni di attività – si è confermato ancora una volta improduttivo. I quattro, pesanti controesodo iniziati dopo Ferragosto hanno svuotato l’Ogliastra dal mercato di vacanzieri che hanno soggiornato nelle strutture ricettive inferiori a 4 stelle. A oggi il territorio accoglie ancora migliaia di turisti, soprattutto stranieri, arrivati in Ogliastra attraverso gli aeroporti isolani o in gruppi organizzati sbarcati in porti alternativi a quello ogliastrino. L’ESPERTO L’esperto Ilario Fois, titolare dell’agenzia di viaggi Aquila bianca e dell’Hotel Galanias di Bari Sardo, fa il punto sul flusso di turisti in transito ad Arbatax: «I nuovi collegamenti – sottolinea l’imprenditore – sono penalizzanti soprattutto per i vacanzieri italiani che soggiornano in strutture inferiori a 4 stelle. Sono quelli che scelgono ancora la vacanza con l’auto propria. E qui in Ogliastra la maggior parte della capacità ricettiva è dedicata a questa fascia. Di certo i nuovi collegamenti introdotti ad Arbatax hanno inciso sulle abitudini di un’ampia fetta di turisti». Gli altri turisti, soprattutto i nordeuropei, hanno altre abitudini: «In genere chi prenota in strutture a 4 stelle si sposta in aereo». IL SINDACATO La continuità territoriale è uno dei temi caldi sul tavolo di Michele Muggianu, segretario Cisl Ogliastra. «Il dato negativo degli arrivi ad Arbatax si spiega, oltre che con il costo dei biglietti alle stelle, con le giornate individuate per lo sbarco dei traghetti. Riteniamo che vada rivista con urgenza la convenzione tra lo Stato e le compagnie del gruppo Onorato, da cui pretendiamo collegamenti frequenti in giorni e orari funzionali alle necessità del territorio e dei passeggeri». Roberto Secci

Fonte: L’Unione Sarda